Dirotta da Noi

Via Mar della Cina, 183 - 00144 Roma
Telefono: +39 06 5220.6401

I nostri orari:
lunedì - venerdì 09:30–13:30, 14:30–18:30
sabato - domenica Chiuso

Il Cilento tra entroterra e costa: una terra tutta da scoprire in cui flora e fauna regalano paesaggi ed emozioni indimenticabili

Nel Cilento è possibile trovare paesaggi differenti eppure tutti egualmente stupendi. La costa è caratterizzata da spiagge miste e fondali bassi, perfetti per tutti coloro che viaggiano con bambini. L'entroterra è caratterizzato e reso unico dal famoso e stupendo Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano, istituito Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO dal 1998.

le nostre strutture

Cilento

Qualche informazione aggiuntiva

Cilento

Il Cilento rappresenta una dellle punte di diamante della regione Campania. Meta ambita e richiesta ogni anno da migliaia di turisti provenienti da tutta Italia e da diverse parti del Mondo, il Cilento è famoso non solo per i suoi paesaggi stupendi, con mari limpidi e immense distese di verde formati dai numerosi parchi naturali e boschi, ma anche e soprattutto per la calorosità della gente che vi abita. Una vacanza nel Cilento vuol dire conoscerne le tradizione e la cultura, specialmente in ambito culinario. Tra le località più famose del Cilento c'è sicuramente Palinuro, cittadina ricca di storia e soprattutto mitologia, con i suoi villaggi direttamente sul mare, con spiaggia privata e animazion diurna e serale pensata esclusivamente per il benessere e il divertimento di grandi e piccoli.

Alcune curiosità

Il Cilento è una terra ricca di storia, ma soprattutto di mitologia: numerosi miti ellenici e romanici sono stati ambienti proprio sulle coste del Cilento, tra cui il famoso mito di Ulisse, raccontato nell'Odiessea, si racconta che Omero prese ispirazione proprio da un'isola situata vicino Castellabate, e Punta Licosa. Un mito molto importante per la zona cilentana è sicuramente quello di Palinuro, che da il nome a una delle località più famose della zona. Palinuro era il nocchiero di Enea, che durante il viaggio per raggiungere le coste laziali, cadde in mare e vi restò per tre lunghi giorni, lottando contro le mareggiate. Il tutto proprio di fronte la costa che oggi prende il nome di Capo Palinuro.